• Dop e Igp, il primo portale web sulle eccellenze del Made in Italy

    Print
    Parmigiano reggiano 1574185 1920

    Dop e Igp sul web. Dal Prosciutto di Parma al salame Felino dal salmerino del Trentino al taleggio. Dal primo agosto sarà più facile ottenere informazioni su questi e altri prodotti a a denominazione di origine e a indicazione geografica protetta. Da quella data sarà infatti online il portale dopigp.politicheagricole.it, il primo dedicato alle punte di diamante dell’agroalimentare italiano, messo a punto dal ministero delle Politiche agricole

    A oggi tra vini e prodotti agricoli e alimentari, sono 823 le Dop e le Igp. Il portale riserverà una pagina a ogni denominazione. Consumatori, turisti, addetti ai lavori, operatori del settore potranno consultare il portale per ottenere informazioni sull’origine e sui metodi di produzione dei 299 prodotti agroalimentari e dei 524 vini che hanno ricevuto il marchio d’eccellenza.

    Il progetto rientra nell’ambito della valorizzazione del Made in Italy agevolata dall’utilizzo delle nuove tecnologie, con ampie ricadute anche per il turismo. E al portale web presto farà seguito l’app per dispositivi mobili che unirà anche le informazioni sugli agriturismi riconosciuti dal ministero e i dati sui beni culturali. I territori, in particolare quelli più lontani dalle luci della ribalta, avranno una nuova occasione per farsi conoscere. 

    "I prodotti Dop e Igp rappresentano uno strumento di tutela delle eccellenze italiane e delle produzioni legate al territorio ma anche un'attrattiva per il settore turistico con importanti ricadute sull'economia locale”, sottolinea il ministro Gian Marco Centinaio. “Lo sviluppo del territorio è sempre più connesso a quelle che sono le sue tipicità. Dobbiamo continuare a lavorare sulla promozione, l'innovazione e la tutela. Unire i prodotti agroalimentari al turismo”, conclude il titolare del dicastero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo.

     

    Foto:

    redazione 02-08-2019 Tag: Dopigpmade in Italygian marco centinaioMinistero delle Politiche Agricole
Articoli correlati