Victam
  • Antibiotico-resistenza, il ruolo della nutrizione animale

    Print

    Se n’è discusso durante conferenza organizzata da Fao e Ifif in Corea del Sud

    %c2%a9 branex   fotolia.com 8 allevamenti animali

    La nutrizione animale potrebbe svolgere un ruolo importante nella lotta contro l’antibiotico-resistenza. Lo hanno affermato i rappresentanti dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) e dell'International feed industry federation (Ifif) in occasione della conferenza: “Animal Nutrition and Feed Strategies and Options to Decrease Antimicrobials Use in Animal Production”, che si è tenuta durante la sesta edizione del meeting “Ad hoc Codex Intergovernmental Task Force on Antimicrobial Resistance”, che si è svolto dal 10 al 14 dicembre 2018 a Busan (Corea del Sud).

    Nel corso dell’evento, i relatori hanno illustrato i pericoli della diffusione dell’antimicrobico-resistenza e le recenti evidenze su come la dieta, la salute intestinale e il sistema immunitario del bestiame interagiscano e possano contribuire a proteggere dalle malattie. Sulla base di questi presupposti, gli esperti ritengono che un’alimentazione equilibrata potrebbe aiutare gli animali a restare in salute e ridurre, pertanto, la necessità di utilizzare gli antibiotici. “Mantenere sani gli animali attraverso programmi nutrizionali basati su una maggiore comprensione della stretta correlazione tra salute intestinale, sistema immunitario e resilienza degli animali alle malattie infettive e ai fattori di stress ambientali – ha sottolineato Johanna Fink-Gremmels, docente presso l'Università di Utrecht (Paesi Bassi) -, rappresenta uno dei principali obiettivi del settore mangimistico e un'opportunità unica per ridurre l’uso degli antimicrobici”.

    Gli esperti hanno poi presentato un’ampia gamma di pratiche e innovazioni che possono contrastare le malattie degli animali e aumentare le difese del bestiame, aiutando ad accrescere la produttività degli allevamenti. Queste strategie includono l'uso di risorse genetiche adattate; le migliori pratiche di zootecnia, igiene e biosicurezza; la nutrizione mirata e le diete che promuovono la resilienza alle infezioni; l’impiego di programmi di vaccinazione su misura; l’adozione di misure dirette ad accrescere il benessere degli animali, compresa la riduzione al minimo dello stress sociale o ambientale.

    È stato anche evidenziato che le moderne strategie di nutrizione animale stimolano le funzioni intestinali, stabilizzano il microbiota intestinale e rafforzano la barriera mucosa gastrica. L’impiego di nutrienti specifici può migliorare le difese immunitarie del bestiame e rafforzare la resilienza alle malattie. Pertanto, gli esperti riuniti a Busan hanno concluso che l'alimentazione su misura e le strategie nutrizionali possono consentire una significativa riduzione dell'uso degli antimicrobici, rafforzando al contempo la produttività dell’allevamento e il benessere degli animali. Infine, è stato osservato che in diversi paesi le restrizioni sull'uso degli antimicrobici negli animali destinati alla produzione di alimenti sono state positivamente associate a una riduzione della presenza dei batteri resistenti agli antibiotici.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    redazione 25-01-2019 Tag: antibiotico-resistenzanutrizione animalemangimizootecniaallevamento
Articoli correlati
  • Canali: “Più dialogo e meno conflitto tra gli attori del settore suinicolo”

    Sebbene alcune delle eccellenze della suinicoltura italiana rientrino fra i prodotti di punta del Made in Italy, la sua presenza sui mercati esteri non è ancora forte come potrebbe essere. Il settore è in ripresa ma i margini di crescita sono...

    11-03-2019
  • Biosicurezza, iniziativa Fefac-Anfnc

    Il contributo offerto dalle pratiche di biosicurezza all’interno dei mangimifici per prevenire la diffusione dei virus è stato al centro del seminario che si è svolto lo scorso 21 febbraio a Bucarest (Romania), su iniziativa di Fefac...

    08-03-2019
  • Mangimi, nel 2018 produzione europea oltre i 161 milioni di tonnellate

    Un leggero aumento della produzione di mangimi, dell'ordine dello 0,8%, è stato stimato da Fefac per il 2018. Secondo gli esperti della Federazione dei produttori europei di mangimi la produzione nei 28 Paesi europei affiliati ha raggiunto lo scorso anno...

    03-03-2019
  • Efsa e Ecdc: antibiotico-resistenza in aumento

    L’antibiotico-resistenza continua a rappresentare un pericolo: gli antimicrobici usati per trattare malattie infettive per animali e uomini, come la campilobatteriosi e la salmonellosi, stanno perdendo efficacia. Lo sottolinea il rapporto: “The...

    28-02-2019
  • Ricetta veterinaria elettronica in dirittura d'arrivo

    Ultimi passaggi legislativi prima dell'entrata in vigore della ricetta veterinaria elettronica. Il ministro della Salute Giulia Grillo ha dato il via libera al decreto che attua la nuova misura, decreto passato ora alla valutazione della Corte dei Conti prima...

    23-02-2019