Victam
  • Grano, il segreto genetico dell'adattamento

    Print
    Grano

    Individuato il segreto genetico che conferisce al grano la sua notevole capacità di adattamento. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Genome Research da un gruppo di ricerca tedesco-britannico coordinato da Anthony Hall dell’Earlham Institute di Norwich (Regno Unito), secondo cui la scoperta potrebbe consentire di accrescere la produttività e la resistenza delle piante di grano.

    Dopo aver analizzato un centinaio di diverse varietà del cereale provenienti da tutto il mondo, gli scienziati hanno identificato un nuovo tipo di variazione epigenetica che sarebbe responsabile della capacità di adattamento del grano. L'epigenetica, spiegano gli esperti, interessa le mutazioni genetiche non attribuibili direttamente alla sequenza del Dna, le cui componenti possono essere influenzate da un processo chiamato “metilazione”, che viene utilizzato dalle cellule per gestire l’espressione degli stessi geni. Gli studiosi spiegano che cambiando il modo in cui le informazioni genetiche vengono lette è possibile disattivare o modulare l’espressione dei geni. Secondo i ricercatori europei, si tratta di un fenomeno rilevante, perché questi cambiamenti possono verificarsi a causa di circostanze ambientali, ma di solito non vengono ereditati. Eppure, in determinate condizioni, un cambiamento epigenetico benefico può essere trasmesso alla generazione successiva.

    Tra le 100 varietà locali di grano studiate, i ricercatori hanno individuato questi modelli epigenetici. Ciò, a loro avviso, suggerisce che queste modifiche sono sorte a causa delle condizioni ambientali presenti nelle particolari zone in cui sono state coltivate le piante di grano. Secondo gli esperti, si tratta di una scoperta importante perché indica che è possibile utilizzare i cambiamenti epigenetici identificati per migliorare il modo in cui le piante si adattano alle condizioni locali. Di conseguenza, potrebbe anche essere possibile, nel giro di pochi anni, migliorare la resa delle coltivazione e la resistenza delle piante in presenza di condizioni ambientali difficili. “Siamo molto orgogliosi del nostro lavoro, che indica che la metilazione del Dna costituisce una fonte vasta e stabile di variazioni – spiega il professor Anthony Hall -. Il nostro prossimo passo consisterà nel tradurre questa fondamentale scoperta sulla metilazione del Dna in una tecnologia trasformativa, pertinente e accessibile agli allevatori di grano che favorisca lo sviluppo di nuove cultivar”.

    red. 18-09-2018 Tag: granoepigeneticaadattamentoagricoltura
Articoli correlati
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori...

    21-02-2019
  • Materie prime agricole, aumento produttività da miglioramento fotosintesi

    Migliorare la fotosintesi potrebbe incrementare la resa delle colture fino al 40%. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Science dai ricercatori statunitensi dell'Università dell'Illinois di Urbana e dell'Agricultural Research Service del...

    14-02-2019
  • Usa, l'agricoltura fa i conti con le tensioni geopolitiche

    Negli Stati Uniti il comparto agricolo dovrà fare i conti con le tensioni geopolitiche. Lo evidenzia il rapporto: “Forces That Will Shape the U.S. Rural Economy in 2019” pubblicato da CoBank, secondo cui, data la sua dipendenza dalle...

    02-02-2019
  • Accordo Ismea-Enm per il microcredito in ambito agricolo

    Promuovere lo strumento del microcredito agricolo come opportunità di sostegno economico e finanziario alle microimprese. È questo l’obiettivo dell’accordo di collaborazione siglato il 30 gennaio 2019 dall'Ente nazionale per il...

    01-02-2019
  • Polizze agricole, divario tra nord e sud

    Il mercato delle assicurazioni agricole agevolate continua a mostrare un ampio divario tra nord e sud Italia. Lo evidenzia il rapporto: “La gestione del rischio nell'agricoltura del Mezzogiorno”, realizzato dall’Ismea (Istituto di servizi per...

    25-01-2019