Victam
  • Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    Print
    Mais cereali spighe %c2%a9 smereka   fotolia

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici ha definito un memorandum per rilanciare il mais nazionale. L'iniziativa ha raccolto l'adesione di diversi soggetti della filiera: Assosementi, Confagricoltura, Alleanza Cooperative Italiane Agroalimentare, Cia Lombardia, Associazione maiscoltori italiani e Copagri. I loro presidenti hanno sottoscritto l'intesa a Roma lo scorso 13 giugno alla presenza del presidente uscente di Assalzoo Alberto Allodi.

    Preso atto dei problemi che hanno determinato il calo produttivo – dalla volatilità dei prezzi ai problemi fitosanitari alla ridotta competititivà sui mercati internazionali – i mangimisti si sono fatti capofila di un'azione a difesa del mais. Si tratta di una materia prima essenziale per l'agricoltura, la zootecnia e il settore alimentare nazionali, compresa la produzione dei beni che danno lustro al Made in Italy nel mondo.

    La finalità del memorandum è sostenere la semina, la produzione e l'utilizzo del mais italiano: la filiera agroalimentare dovrà essere approvvigionata con il cereale coltivato in Italia. Nel documento sono definite delle azioni concrete con cui raggiungere questa finalità. I sottoscrittori si impegnano infatti a collaborare tra loro o fra i propri associati per incrementare la produzione di mais italiano, soddisfare le richieste della domanda interna riducendone la dipendenza dalle importazioni. L'attività e le relazioni commerciali fra tutti i componenti della filiera potranno essere inoltre favorite dall'adozione di strumenti contrattuali.

    La qualità e la sicurezza del cereale prodotto in Italia sono altri due aspetti richiamati nell'intesa e che dovranno essere migliorati nei prossimi anni. A questo scopo saranno utili anche gli investimenti nella ricerca, la promozione di studi, attività di formazione e informazione per favorire la conoscenza e lo sviluppo di ogni tecnologia, tecnica e pratica agronomica. La produzione del mais, infine, dovrà essere sostenuta in modo sostenibile, con una gestione oculata delle risorse, nel rispetto dell'ambiente, a beneficio dell'intero Sistema Paese.

    Foto: © smereka - Fotolia

    Vito Miraglia 10-10-2018 Tag: maisassalzooagricolturamade in Italycereali
Articoli correlati
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori...

    21-02-2019
  • Gallinella: “Accordi di filiera necessari per aumentare la produzione agricola”

    L’onorevole Filippo Gallinella presiede dallo scorso giugno la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. Mangimi&Alimenti l’ha intervistato per parlare delle questioni principali in materia di agroalimentare nell’agenda dei lavori...

    18-02-2019
  • Usa, in calo resa di mais e soia

    Nella stagione 2018/19 il rendimento del mais e della soia prodotti negli Stati Uniti dovrebbe diminuire. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimate (Wasde)” pubblicato l’8 febbraio dal Dipartimento...

    15-02-2019
  • Materie prime agricole, aumento produttività da miglioramento fotosintesi

    Migliorare la fotosintesi potrebbe incrementare la resa delle colture fino al 40%. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Science dai ricercatori statunitensi dell'Università dell'Illinois di Urbana e dell'Agricultural Research Service del...

    14-02-2019
  • Le previsioni del tempo e la qualità del mais: il caso americano

    Grazie all’impiego di nuovo algoritmo, potrebbe essere possibile prevedere la resa e la qualità dei raccolti di mais. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy dai ricercatori dell'Università dell'Illinois di...

    12-02-2019