• Carlo Licciardi (presidente Anacer): “Un accordo per garantire la salubrità dei prodotti di consumo”

    Print
    Carlo licciardi

    Quali sono le prospettive, in ottica di filiera, dell’accordo strategico appena sottoscritto?
    Le prospettive credo siano ottime. Questo accordo è frutto di una presa di coscienza del fatto che ognuno di noi ha un ruolo che non è in contrapposizione con gli altri ma è semplicemente un ruolo diverso. Pertanto dobbiamo metterci insieme e cooperare per difendere l’intera filiera. La discriminazione o la creazione di condizioni di mercato di terzi senza che venga tenuta in considerazione l’opinione di chi poi deve operare in quel mercato, non può essere tollerata in quanto creerebbe delle distorsioni del nostro mercato rispetto ad altri mercati europei e conseguentemente subirebbe una concorrenza sleale creata dal sistema Italia. Tutto ciò per dire che questo accordo aumenterà la rappresentatività della filiera a tutti i livelli oltre che, mi auguro, creare delle sinergie tra le varie associazioni per ridurre i costi e diventare più efficienti.

    Che significa per l’agroalimentare italiano sviluppare una consapevolezza di settore, sempre più radicata, soprattutto in termini di visione e di conquista di nuovi mercati?
    Come ho detto prima, se non creiamo tutti insieme delle condizioni di mercato e un modo di operare che siano in linea con quelli degli altri Paesi europei sicuramente verremo schiacciati. La competitività deve essere generata all’interno delle aziende e non da fattori esterni quali politici o altro. L’agroalimentare italiano rappresenta una voce importante del PIL del Paese anche nei momenti di crisi e pertanto bisogna difendere questo valore piuttosto che minarlo con politiche tendenti a indebolire questa risorsa del Paese.

    Per il settore cerealicolo, nello specifico, quali sono i risultati che si aspetta dall’accordo?
    Personalmente credo che la cosa più importante deve essere la salubrità dei prodotti finiti che arrivano sul tavolo delle famiglie e quindi mi auguro che questi accordi e sinergie creino le condizioni affinchè questo possa essere realizzato senza demagogia e senza chiedere da una o dall’altra categoria cose che in pratica sono irrealizzabili.

    Vito Miraglia 23-08-2018 Tag: anaceragroalimentaremercatocompetitivitàcereali
Articoli correlati
  • Alcuni indicatori sintetici dell’economia italiana nel primo trimestre 2018

    Secondo le stime Istat, nel primo trimestre 2018 l’economia italiana risulterebbe in lieve rallentamento, con la produzione del settore manifatturiero e le esportazioni che registrano alcuni segnali di flessione, l’occupazione tornata ad aumentare e...

    23-10-2018
  • Igc, in aumento produzione globale di cereali

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.072 miliardi di tonnellate. Si tratta di un valore inferiore rispetto ai 2.095 miliardi di tonnellate raccolti nel periodo 2017-18, ma superiore ai 2.063 miliardi di tonnellate...

    19-10-2018
  • Agroalimentare, export prodotti italiani supera 20 miliardi di euro

    Nei primi sei mesi del 2018 la vendita sui mercati esteri dei prodotti agroalimentari made in Italy è aumentata del 3,1% rispetto al primo semestre 2017, fino a superare la soglia dei 20 miliardi di euro. È quanto emerge dal rapporto: “La...

    13-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i...

    10-10-2018