• Assalzoo, uno sguardo al futuro

    Print
    Allodi alberto presidente assalzoo

    Mi rivolgo ai carissimi Amici, ai Colleghi, agli Associati ed agli Stakeholder tutti che mi hanno accompagnato in questi sei anni di Presidenza Assalzoo.

    Quando una lunga, intensa, esperienza di vita (e questa Presidenza per me lo è stata!) giunge al termine, arriva il momento del commiato con il rischio di cadere nella retorica o peggio in una didascalica autocelebrazione.

    Desidero rassicurarvi, per me è giunto piuttosto il momento delle riflessioni, il mio timore è di non aver potuto sviluppare appieno i valori che, sin dall’inizio del mio mandato, indicai essere tra i miei obiettivi principali: pluralismo, innovazione e giovani talenti.
    Certamente, la complessità e l’eterogeneità di un’associazione qual è Assalzoo richiedono grande attenzione nell’ascolto delle specifiche esigenze nonché azioni capaci di tutelare e curare interessi ed equilibri non sempre coerenti tra loro. La piena soddisfazione del singolo Associato, di conseguenza, pur essendo sempre un obiettivo a cui tendere, è a volte purtroppo difficile da raggiungere. Altrettanto complessa si è rivelata l’interrelazione con la Pubblica Autorità nazionale ed europea, così come con gli Stakeholder in generale. Le divergenze, a volte esistenti per motivi politici od economici, possono trasformare tematiche apparentemente accomunanti in motivi di confronto e, talvolta, di contrapposizione con inevitabili sacrifici in termini di possibili condivisioni.

    Sul fronte dell’innovazione, in questi ultimi anni grandi sollecitazioni, rivolte da più parti, hanno cercato, invano, di superare posizioni preconcette che trovano la loro ragion d’essere in un generale populismo che rinnega le evidenze scientifiche. Non è bastato infatti contrapporre scienza, evidenza di sperimentazione e visione di un futuro migliore per assicurare sviluppo sociale e sicurezza alimentare. E che dire delle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici! Nonostante i coraggiosi e ripetuti messaggi d’allarme della Comunità scientifica internazionale, e le conseguenze innegabili su quantità e, soprattutto, qualità dei raccolti ancora non sono sufficienti ad attrarre una reale attenzione e volontà politica verso i frutti di una ricerca, che già ha prodotto possibili risposte. Il cammino è ancora lungo e difficoltoso ma è necessario e doveroso continuare nell’opera di sensibilizzazione e divulgazione scientifica. Nel nostro piccolo con il Comitato Scientifico per l’Innovazione abbiamo riportato al centro del nostro impegno divulgativo l’importanza della conoscenza scientifica.

    Qualcuno recentemente ha scritto: “La tradizione di oggi è frutto dell’opera innovativa di ieri”. E’ vero: i giovani visionari del passato ci hanno regalato un presente che stiamo sfruttando a piene mani, questo flusso va continuamente rinnovato e noi tutti dobbiamo incoraggiare le nuove generazioni a fare proprio quel ruolo propulsivo che a loro compete. L’agribusiness già mostra una tendenza incoraggiante lavoriamo su questi segnali: occorre catturare l’interesse dei giovani per avviare e rafforzare il processo di rinnovamento e di sviluppo della classe dirigente del futuro. Non mancano le idee ed esistono promettenti progetti aperti che dobbiamo salvaguardare anche se non è sempre facile conciliare le aspettative e vincere gli ostacoli generazionali. Deve però essere uno sforzo che coinvolge tutte le parti e che, mi auguro, saprà dare importanti frutti a breve.

    Detto tutto ciò, desidero sottolineare come alle riflessioni di cui sopra si affianchino motivi di soddisfazione e di gratificazione di cui sono compiaciuto e particolarmente geloso, aspetti che mi ricorderanno sempre Assalzoo qual è: un’organizzazione attenta, pulsante, rispettata, orientata al servizio ed alla soluzione dei problemi per la crescita non solo del settore ma del singolo Associato. Un’organizzazione che è un patrimonio molto più importante di quanto, a volte, si tenda a riconoscerle.

    E’ ora giunto il momento dei saluti. Ringrazio di cuore tutti Voi, un plauso alla competente collaborazione dei Vice Presidenti e degli Organi Direttivi di Assalzoo ed una riconoscente gratitudine a Lea Pallaroni ed allo Staff per il professionale supporto datomi.

    Al mio successore i migliori auguri di un proficuo lavoro.

    Alberto Allodi (past President Assalzoo) 23-07-2018 Tag: assalzooricercainnovazionemangimi
Articoli correlati